Slow Food, condotta di Rovigo

Terra Madre in Polesine

Coste Fragili: conferenza stampa il 6 settembre

Mercoledì 6 settembre, ore 11:00 – Centro visitatori Parco Delta Po Veneto, Piazza Matteotti 3, Porto Viro (Ro)

La lettera del presidente Regionale Mauro Pasquali alle Condotte del Veneto:

Il cibo inteso come identità di un popolo e della sua cultura, come elemento di aggregazione, come fulcro strategico di un modello di sviluppo che pone al centro della propria azione il rispetto dell’ambiente, della salute di chi il cibo lo produce e di chi lo consuma, è il cardine attorno al quale si sviluppa il progetto strategico, che vede alleati Slow Food Italia, i Comuni del Delta del Po Veneto e l’Ente Parco Regionale Delta del Po Veneto.

Dopo il protocollo di intesa siglato da Slow Food Italia, i Comuni del Delta del Po Emilia Romagna e il Parco Regionale Delta del Po Emilia Romagna, si conclude una ulteriore tappa nel processo strategico di valorizzazione delle eccellenze gastronomiche locali. Il cammino è strutturato in un’ottica di sviluppo e di promozione condivisi in un’area di straordinario pregio ambientale, la più importante in Europa tra quelle “umide”, con un eco-sistema altrettanto unico.

Il protocollo è stato sottoscritto oltre che da Slow Food Italia e dall’Ente Parco regionale Veneto del Delta del Po, anche dai comuni di Porto Viro, Porto Tolle, Taglio di Po, Rosolina, Adria, Ariano nel Polesine, Corbola, Papozze, Loreo.

Il progetto, che abbraccia i principi e gli obiettivi propri di Slow Food Italia, ambisce a sensibilizzare, attraverso specifiche attività formative, i produttori agricoli, gli operatori della ristorazione e del settore turistico-alberghiero sul recupero di prodotti di qualità e alla valorizzazione delle tradizioni del territorio e sulla consapevolezza del proprio ruolo rispetto alla valorizzazione dell’identità del territorio.

La difesa del paesaggio e della memoria storica, testimoniata anche dai prodotti tipici delle tradizioni locali è alla base della partnership con Slow Food Italia, che si prefigge, inoltre, di sensibilizzare il personale scolastico e gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado grazie alla realizzazione di progetti di educazione alimentare.

Lo studio per la possibile realizzazione nell’area del Parco Delta del Po Veneto di Presìdi Slow Food è una delle ulteriori linee di sviluppo strategiche dell’iniziativa: i Presìdi sono progetti per sostenere piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, valorizzare i territori, salvare dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta e piccole produzioni artigianali.

Il protocollo firmato dai Comuni del Delta Veneto rientra, inoltre, all’interno del progetto di Slow Food Italia denominato “Coste fragili” finalizzato alla valorizzazione, alla tutela, al recupero delle identità peculiari dei territori costieri italiani, attraverso il ruolo e la partecipazione attiva delle varie comunità.

La realizzazione dell’accordo, che aprirà scenari molto interessanti dal punto di vista dell’educazione, della tutela della biodiversità e dello sviluppo delle attività agricole e commerciali è stato reso possibile anche grazie al grande lavoro svolto da Paolo Giolo, fiduciario di Rovigo che ringrazio per tutto ciò che ha fatto.

No comments yet

Sorry, the comment form is closed at this time.